Pensa europeo, (ri)costruiamo l'Europa

EuroIdee

Blog

La formazione professionale Duale e il Progetto “Dual VET Partners in Europe”

di: Enrica Rapolla

La Formazione duale rappresenta il modello di formazione professionale alternata fra scuola e lavoro che vede le istituzioni formative e i datori di lavoro in stretta collaborazione nel processo formativo.

Modello formativo integrato tra scuola e lavoro, mutuato dalla Germania e già applicato con successo nei Paesi del Nord Europa, il “Sistema duale” è stato introdotto in Italia dalle riforme del mercato del lavoro e della scuola nell'ottica di adottare le misure di medio-lungo periodo per ridurre i tassi di disoccupazione, ma anche per agevolare le transizioni e ridurre il divario in termini di competenze tra scuola ed impresa, temi che si ritrovano all'ordine del giorno e sull’agenda politica italiana ed europea.

Il Sistema Duale deve rappresentare un vantaggio reciproco per studenti e aziende, una cerniera fra mondo della scuola e mercato del lavoro che vede le istituzioni formative e i datori di lavoro in stretta collaborazione per costruire figure professionali adeguate alle esigenze delle imprese.

Il sistema di formazione duale non rappresenta un intervento specifico, ma un approccio generale alle politiche di transizione tra scuola e lavoro; è finalizzato ad accompagnare i giovani, ancor prima che concludano il percorso di diritto/dovere all’istruzione e formazione, nell’approccio al mondo del lavoro, ad acquisire competenze spendibili e contrarre i tempi del passaggio tra scuola ed esperienza professionale.

In particolare, la nuova normativa ha introdotto e revisionato tre strumenti:

-              l’alternanza scuola-lavoro nell’ambito del secondo ciclo di istruzione, resa obbligatoria in ogni tipo di istituto;

-              l’impresa formativa simulata che consente di sperimentare modalità didattiche strettamente legate al funzionamento aziendale e implica il rapporto con un’impresa partner;

-              l’apprendistato.

In questo quadro, il nuovo apprendistato è un contratto di lavoro per la formazione e l’occupazione che diviene la forma privilegiata di inserimento dei giovani nel mercato del lavoro; esso permette, infatti, da un lato, il conseguimento di un titolo di studio e, dall’altro, la possibilità di un’esperienza professionale diretta.

L’apprendistato è un contratto di lavoro finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. I datori di lavoro, a fronte di una serie di vantaggi retributivi, contributivi e fiscali rispetto a un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, devono corrispondere all’apprendista la retribuzione per la prestazione lavorativa ed erogare la formazione per conseguire gli obiettivi previsti.

La rilevante differenza rispetto agli strumenti già esistenti, come stage e tirocini rivolti ai giovani e finalizzati a realizzare esperienze in azienda, risiede nell’obiettivo finale di creare un rapporto continuativo e organico tra il sistema dell’istruzione, quello della formazione professionale e il mercato del lavoro, universi che, fino ad oggi, si sono interfacciati poco.

Gli obiettivi della Formazione Professionale Duale sono quindi: fornire le capacità, le conoscenze e i requisiti necessari per lo svolgimento di una professione qualificata, attraverso un corso di formazione strutturato e permettere l´acquisizione delle esperienze lavorative necessarie.

Gli /Le apprendisti/-e acquisiscono la maggior parte della formazione pratica presso l´impresa in cui svolgono il proprio apprendistato. Della parte teorica, invece, se ne occupa principalmente la scuola.
Frequentando una scuola che rilascia una qualifica professionale (Istituto professionale), la Formazione Duale è garantita dallo svolgimento di lezioni di cultura generale e teoriche e da lezioni pratiche di laboratorio. Il presupposto per questo tipo di formazione è un contratto di formazione professionale con l’impresa e la scelta dell´istituto professionale da frequentare è pertanto legata all´affiliazione regionale dell´impresa. Questo sistema di formazione professionale viene applicato soprattutto in Germania, in Austria e in Svizzera, ma è molto comune anche in Alto Adige, Danimarca e nei Paesi Bassi.

I periodi di formazione interna ed esterna dovranno essere articolati secondo le esigenze formative e professionali dell’impresa e le competenze tecniche e professionali correlate agli apprendimenti ordinamentali che possono essere acquisiti in impresa e comunque entro il limite massimo di durata della formazione esterna, da svolgersi presso l’istituzione formativa cui è iscritto lo studente.

Al termine dell’apprendistato le parti possono recedere dal contratto senza giusta causa o giustificato motivo. Se nessuna delle parti recede entro i termini previsti, il rapporto prosegue come ordinario rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Il Sistema Duale deve rappresentare un vantaggio reciproco per studenti e aziende, una cerniera fra mondo della scuola e mercato del lavoro che vede le istituzioni formative e i datori di lavoro in stretta collaborazione per costruire figure professionali adeguate alle esigenze delle imprese.

Quali sono i vantaggi della Formazione Professionale Duale?

La diversità del Sistema di Formazione Professionale Duale tedesco rispetto ai sistemi di formazione professionale attuati negli altri Paesi europei si basa sul fatto che in Germania l´apprendimento è tradizionalmente incentrato sulla pratica lavorativa, mentre negli altri Paesi dell´Unione Europea i corsi di formazione professionale indirizzati ai giovani e volti al rilascio di una qualifica professionale, si basano quasi esclusivamente sull´insegnamento nelle scuole.

I vantaggi della Formazione Professionale Duale per gli imprenditori:

  • La formazione professionale assicura alle imprese giovani lavoratori che posseggono una qualifica specifica a lungo termine.
  • L´assunzione di apprendisti/-e è redditizia, provvede a mantenere la struttura retributiva solida e fa risparmiare sul costoso reclutamento di nuovo personale.
  • Chi offre una formazione contribuisce ad incrementare la produttività dell´impresa stessa.
  • La formazione professionale offerta aumenta l´attrattività dell´impresa e la sua competitività sul mercato.  Chi offre una formazione dimostra di possedere responsabilità sociale, incrementando, di fatto, la propria autorevolezza nei rapporti con i clienti, con i partner commerciali e con il pubblico.
  • La formazione professionale aumenta la professionalità di un´impresa, soprattutto quando all´apprendimento pratico in azienda segue l´offerta di poter intraprendere un corso di studi universitario. In tal modo l´impresa avrà la possibilità di disporre anche di personale altamente qualificato che possa offrire nuovi impulsi all´azienda, stimolandone la crescita e la competitività sul mercato globale.

I vantaggi della Formazione Professionale Duale per gli/le apprendisti/-e:

  • Ricevere una formazione varia e orientata alla pratica, basata sull´alternanza tra lezioni teoriche in classe e esercitazioni pratiche in azienda.
  • Ricevere uno stipendio.
  • Acquisire esperienze pratiche già dall´inizio del corso di formazione.
  • Possibilità di assunzione alla fine del corso di formazione.
  • Potenziare le competenze personali, ad esempio, aumentare la propria autostima e riconoscere i propri punti di forza.

 I vantaggi della Formazione Professionale Duale per la società:

  • Un personale qualificato che dispone di un reddito maggiore comporta l´aumento dei contributi previdenziali e dei contributi allo stato.
  • Un livello molto basso di disoccupazione comporta la riduzione del pagamento delle indennità di disoccupazione.
  • Risparmio dei costi risultanti da un tipo di formazione professionale basato esclusivamente sull´apprendimento teorico a scuola.
  • Aumento dell´integrazione sociale giovanile.
  • Contribuire significativamente alla disponibilità di personale qualificato.

Svantaggi

  • L’obiezione principale è quella dello sfruttamento: gli studenti rappresenterebbero una forza lavoro quasi gratuita.
  • Si interrompe la continuità didattica, si perdono lezioni, si pone la scuola in ruolo subalterno all’azienda.
  • La disciplina sul lavoro minorile che trova applicazione fino ai diciotto anni, prevedendo alcune limitazioni, soprattutto quelle riferite alle attività eseguibili e all’orario di lavoro, potrebbe rappresentare un elemento di criticità all’attivazione dei contratti di apprendistato finalizzati alla qualifica e al diploma professionale.
  • L’assenza di standard formativi analitici, o di piani formativi tipizzati, potrebbe rappresentare un ostacolo all’avvio di contratti di apprendistato per l’onere di progettazione richiesto in particolare all’impresa.
  • Il nodo della contrattazione, assenza di accordi.

Durata

I periodi di formazione interna ed esterna dovranno essere articolati secondo le esigenze formative e professionali dell’impresa e le competenze tecniche e professionali correlate agli apprendimenti ordinamentali che possono essere acquisiti in impresa e comunque entro il limite massimo di durata della formazione esterna, da svolgersi presso l’istituzione formativa cui è iscritto lo studente.

Al termine dell’apprendistato le parti possono recedere dal contratto senza giusta causa o giustificato motivo. Se nessuna delle parti recede entro i termini previsti, il rapporto prosegue come ordinario rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Progetto Dual VET Partners in Europe, Programma Erasmus+ - 2017-1-ES01-KA202-038512

Questo Progetto, denominato “Dual- VET Partners in Europe”, approvato lo scorso luglio nel Programma Erasmus+, Partenariati Strategici nel Settore Istruzione e Formazione Professionale, Cooperazione per l'innovazione e lo scambio di buone pratiche, ha avuto origine nel 2016, quando i partner strategici di questo Progetto hanno visto la necessità di identificare e cercare modi per introdurre modelli basati sul lavoro e sulla realtà lavorativa ed economica nei loro Sistemi di Formazione Professionale.Infatti è nato dalla necessità di migliorare le condizioni di apprendimento basate sulla pratica lavorativa (Work-based Learning), cosi come dichiarato dalla Commissione europea alcuni anni fa.

Il progetto ha una durata di 24 mesi a partire da settembre 2017, mese in cui è iniziato, fino al 2019 termine in cui potrebbe essere anche prolungato. E’ coordinato dalla Escuela de Idiomas Carlos V di Siviglia (Spagna) e sia il consorzio che i partner strategici sono costituiti da enti sociali, aziende, autorità, centri di formazione e Università in Germania, Italia e Spagna.

Gli obiettivi principali del progetto sono:

Scambio transnazionale di buone pratiche tra Italia, Germania e Spagna, per la progressiva introduzione di elementi di formazione professionale duale comuni nei cicli di FP di ogni paese.

  • Coordinare lo scambio e la collaborazione tra tutti gli agenti della formazione professionale: aziende, istituti, scuole, sindacati, organizzazioni di imprese e camere di commercio.
  • Coinvolgere maggiormente le aziende nella formazione.
  • Promuovere la dualità dell’apprendimento, collegare l’apprendimento a scuola all’apprendimento in azienda.
  • Preparare i formatori in aziende e negli istituti scolastici.
  • Identificare le possibilità di incorporare più pratiche di quelle attualmente esistenti negli studi di Formazione Professionale.
  • Progettare un Piano di FP duale per due specializzazioni di Formazione Professionale secondo le conclusioni tratte dall’analisi degli attuali sistemi di formazione professionale
  • Progettare un modello di regolamentazione, valutazione e verifica della formazione pratica con gli strumenti ECVET per una maggiore trasparenza e comparabilità internazionale delle FP.
  • Viaggio in Germania di professori e aziende italiane e spagnole partner del progetto per ricevere una formazione sulla Formazione Professionale duale in Germania.
  • Formazione impartita da docenti tedeschi di FP duale tedesca in Italia e Spagna a professori e tutor di aziende interessate ad ottimizzare la formazione professionale nei loro centri.

Gli enti seguenti fanno parte del progetto:

  • la Scuola di Lingue „Carlos V“ (coordinazione del progetto) – Spagna
  • La scuola secondaria „Cristobal de Monroy“ – Spagna
  • La Federazione dei Trasporti Andalusa – Spagna
  • L´Opera per la Formazione „Bildungswerk der Niedersächsischen Wirtschaft gemeinnützige GmbH – Germania“
  • La Regione per la promozione economica di Hannover, Germania
  • CENTRO Interdipartimentale di Ricerca LUPT “Raffaele d’Ambrosio” dell´Università degli Studi di Napoli Federico II – Italia
  • Meccanica B.M.R. dei Fratelli Coglianese s.r.l. – Italia
  • L´istituto di Istruzione Superiore ASSTEAS – Italia

Alla realizzazione di questo progetto contribuiscono, inoltre, altri partner strategici come la Camera dell´Industria e del Commercio di Hannover, il Ministero dell´Istruzione della Bassa Sassonia (Niedersachsen) e imprese tedesche con molta esperienza nella Formazione Duale come la Volkswagen.

Redazione EuroIdee

logo-footer.png

Le opinioni espresse in questo sito sono esclusivamente quelle dell'autore. La Commissione non è responsabile dell'eventuale utilizzo delle informazioni contenute in tale sito.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Edicampus Edizioni ­ Pioda Imaging, Roma - viale Ippocrate 154, 00161 ­Roma

© 2018, edlupt - Credits: Valeria Maiorano

Search